BT Logo

KAYAK - Balcani 2019

di Fred   —   06 maggio 2019

Balcan tour 2019, ecco altro report della vacanza, staccato da quello Komarica visto la valenza del fiume. Super gruppo da 14 persone

Ci incontriamo separati a Bologna dal Manzo il venerdì 19 e compattiamo il gruppo con Massimo Delledonne e fidanzate/mogli il sabato 20.  Prima tappa Silisia, gran bella gola con un imbarco non agevole, tra l'altro fa già caldino. Tre caprioli passano praticamente sopra Manzo durante il primo pezzo della discesa. La sera la passiamo in uno spiazzo sulle gole con una bella cena tra camper che sono ben 5

La domenica ci spostiamo sul Fella e percorriamo la parte da Pontebba. Livelli sul medio basso ma considerato il seccume che c'è in Italia va bene. Ci spostiamo poi sulla Soca senza scenderla e il Pupillo ci regala la burbata dell'anno dato che mette 50 litri di benzina nel camper. Per fortuna arriva un meccanico e in un oretta svuota il serbatoio. Andiamo a dormire a Stupizza in quanto gli sloveni rompono con campeggio libero. Li incontriamo Luca Guidi, la Giulia ed altri canoisti italiani.

Al mattino le signore ci salutano e noi ci dirigiamo verso la Croazia dove faremo la Mrezenica. Putroppo non si può più campeggiare a camp Robinson e ci accontentiamo di farlo a valle nelle vicinanze del ponte. Martedì 21 è grigio e utilizziamo la giornata come spostamento, obbiettivo Komarnica, vedere altro report. Qui ci staremo altri 3 giorni ma non mi dilungo a raccontare quanto già scritto.

Sabato 27 dormiamo nei pressi del monastero della Bucovica e sabato ci spariamo una bellissima discesa, l'unica sotto la pioggia, tra l'altro parziale in quanto durante la discesa esce anche il sole. Lasciamo Savnik dove oramai eravamo di casa e andiamo sulla Moraca. Livello bello grasso alla sera, al mattino però come da previsione farà più fresco e quindi il livello torna normale e scendiamo i primi 8 km della Moraca alta. Bellissimi gli ultimi 3 km in gola.

Lunedì 29 scendiamo lungo la valle della Moraca a Podgorica andiamo in officina e sistemiamo i freni del camper della Francesca per poi scendere la parte montenegrina del Cem (o Cemit). Finita la discesa iniziamo a rientrare, e dormiremo al confine Montenegro/Bosnia a causa dei una mia burbata. Non avevo stampato in verde la carta verde e quindi non ci hanno fatto passare alla sera dicendoci che avrei dovuto acquistarla al mattino in frontiera con gli uffici aperti. Naturalmente al mattino siamo passati senza problemi. portatevi la carta verde stampata a colori!!

Il 30 lo abbiamo dedicato al viaggio e siamo andati a dormire 50 km prima di fiume poi il primo partendo presto siamo andati in cerca di un fiume in  Friuli ma il Degano ci ha fregato con livello basso all'imbarco ed abbiamo optato per na bellissima trattoria

Come sempre gran bel gruppo, new entry la Francesca e Leo, grande affiatamento, zero scazzi. Un po come dev'essere una vacanza alla nostra età. L'adrenalina ce la danno le serate ed il gruppo, meno i fiumi

Le foto sono di lLberto, mie, Furio ed il Cina
Credits